Centro di Riabilitazione ex art.26: che cosa significa?

Perché scegliere un Centro di riabilitazione ex art. 26 e in cosa si differenzia da tutti gli altri centri di riabilitazione?

I centri di riabilitazione definiti “ex art. 26” nascono con la legge n. 833/78 nella quale vengono definiti i diritti all’assistenza sanitaria e i criteri con i quali deve essere assicurata ai cittadini la prestazione dei servizi di riabilitazione.

A differenza dei normali studi di riabilitazione, i centri ex art. 26 hanno bisogno, per poter operare, di un’Autorizzazione all’esercizio rilasciata dalla Regione. Ciò significa che debbono possedere ben precise caratteristiche strutturali e operative che possiamo sintetizzare così:

all’interno dei centri di riabilitazione ex art. 26 è presente, come da normativa, un’équipe multidisciplinare composta sia da tecnici della riabilitazione (logopedisti, terapisti della neuro e psicomotricità, fisioterapisti, neuropsicologi, etc.), che da figure mediche che garantiscono il coordinamento dell’èquipe (nel nostro caso il neuropsichiatra infantile). 

Di fatto un centro ex art. 26 come il nostro, opera come una Unità di Neuropsichiatria Infantile di una qualsiasi struttura ospedaliera pubblica o come una ASL.

La presenza dell’equipe multidisciplinare garantisce che ciascun paziente possa beneficiare di un intervento riabilitativo a 360°; dall’apertura della cartella clinica, la valutazione e diagnosi del disturbo, la stesura di un Progetto Riabilitativo Individuale, fino alla presa in carico terapeutica.L’andamento della terapia, che è sempre individuale, viene poi costantemente monitorato con valutazioni a scadenza (trimestrale, semestrale, annuale) che permettono  all’equipe di ottimizzare l’intervento fino al momento della dimissione.

By | 2018-05-30T18:54:53+00:00 gennaio 12th, 2016|Articoli|0 Comments

Leave A Comment